VERTENZE LAVORO ROMA

News

Stabilizzazione dei rapporti di collaborazione

Stabilizzazione dei rapporti di collaborazione

L’art. 54, D.Lgs. n. 81/2015 prevede una procedura di stabilizzazione dei rapporti di collaborazione, sancendo una sanatoria – con estinzione degli illeciti amministrativi, contributivi e fiscali connessi all’erronea qualificazione del rapporto di lavoro (fatti salvi gli illeciti accertati a seguito di accesso ispettivo) – per chi assume con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato a partire dal 1° gennaio 2016:

– collaboratori coordinati e continuativi anche a progetto;

– titolari di partita IVA con contratto di lavoro autonomo.

Possono accedere alla procedura tutti i committenti.

leggi tutto
Carta Blu UE  online il nuovo modulo

Carta Blu UE online il nuovo modulo

Sul Portale Servizi del Ministero dell’Interno, sezione Sportello Unico Immigrazione,è ora disponible il modulo aggiornato (modulo BCE) che i datori possono utilizzare per chiedere l’assunzione di lavoratori stranieri altamente qualificati (Carta Blu UE).

leggi tutto
Licenziamento e Dimissioni di un Apprendista

Licenziamento e Dimissioni di un Apprendista

L’apprendistato è una tipologia di contratto lavorativo che combina la formazione professionale con l’esperienza pratica sul posto di lavoro.

Durante l’apprendistato, che può durare da 6 mesi a 3 anni, l’apprendista acquisisce conoscenze e competenze specifiche della professione.
Tuttavia, può succedere che scelga di dimettersi. Le dimissioni volontarie durante l’apprendistato sono ovviamente possibili, ma le loro modalità dipendono dalla fase in cui il contratto si trova.

leggi tutto
Videosorveglianza nei luoghi di lavoro

Videosorveglianza nei luoghi di lavoro

l’utilizzo di impianto di videosorveglianza deve essere regolato da norme rigorose per garantire la tutela dei diritti delle persone. È fondamentale rispettare le leggi e i regolamenti vigenti in questo campo per non incorrere in sanzioni.

leggi tutto
Dimissioni Giusta Causa trasferimento 50 Km – accesso alla NASpI

Dimissioni Giusta Causa trasferimento 50 Km – accesso alla NASpI

Secondo il Tribunale di Torino , con la sentenza 429 del 27/04/2023 ,  per i dipendenti che vengono trasferiti in una sede lavorativa distante, le dimissioni per giusta causa che danno diritto a Naspi non obbligano il lavoratore a provare che il trasferimento era senza privo di ragioni giustificate. La sentenza di fatto delegittima il messaggio Inps 369/2018 relativo al riconoscimento della Naspi per i lavoratori dimessi dopo un provvedimento di trasferimento in una sede distante più di 50 km dalla residenza del lavoratore.

leggi tutto
Conversione dei Permessi di Soggiorno

Conversione dei Permessi di Soggiorno

La conversione del permesso di soggiorno è un procedimento amministrativo tramite il quale un cittadino straniero, già residente o autorizzato a soggiornare nel territorio italiano, chiede il rilascio di un titolo di soggiorno per un motivo diverso da quello originario.

leggi tutto
Mancato pagamento del TFR che fare ?

Mancato pagamento del TFR che fare ?

Il trattamento di fine rapporto è un elemento della retribuzione del lavoratore che matura mensilmente, ma che ogni anno viene accantonata, per poi essere corrisposta al termine del rapporto di lavoro.I CCNL di categoria regolamentano con un periodo che va dai 30/60 giorni l’erogazione  del TFR al lavoratore.

leggi tutto
Dimissioni – Preavviso –  CCNL Applicato

Dimissioni – Preavviso – CCNL Applicato

Le dimissioni volontarie, per giusta causa e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro devono  essere essere effettuate in modalità telematica.     Quando decorre il periodo di preavviso? Comincia a decorrere da quando le dimissioni vengono...

leggi tutto
NASpI: Indennità Mensile di Disoccupazione

NASpI: Indennità Mensile di Disoccupazione

Cos'è La Nuova Assicurazione Sociale per l'Impiego (NASpI) è una indennità mensile di disoccupazione, istituita dal decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22, che viene erogata su domanda dell'interessato.   DECORRENZA E DURATA L'indennità di disoccupazione NASpI...

leggi tutto
La Cittadinanza Italiana Iure Sanguinis

La Cittadinanza Italiana Iure Sanguinis

La domanda di cittadinanza italiana iure sanguinis, ovvero per diritto di sangue, possono farla i discendenti di cittadini italiani nati in uno Stato che prevede la cittadinanza ius soli (ossia quando alla nascita si diventa automaticamente cittadino di quello Stato, come accade ad esempio per Stati Uniti, Canada, Australia e in generale nella maggioranza degli Stati del Nord, Centro e Sud America).

leggi tutto
DIS-COLL: Indennità mensile di disoccupazione

DIS-COLL: Indennità mensile di disoccupazione

La prestazione DIS-COLL è riconosciuta ai soggetti iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata, non pensionati e privi di partita IVA che presentano congiuntamente i seguenti requisiti:

stato di disoccupazione al momento della presentazione della domanda di prestazione;
almeno un mese di contribuzione nel periodo compreso tra il 1° gennaio dell’anno precedente l’evento di cessazione dal lavoro e l’evento stesso.

leggi tutto
Offerta Conciliativa

Offerta Conciliativa

L’offerta conciliativa è uno strumento facoltativo, introdotto dal Jobs Act (Decreto legislativo 23/2015), che consente al datore di lavoro di formulare un’offerta economica, al lavoratore licenziato, al fine di evitare la possibile impugnazione del licenziamento. Non esclude tutte le altre forme di conciliazione previste dalla legge

leggi tutto
Dimissioni per Giusta Causa e diritto alla NASpI

Dimissioni per Giusta Causa e diritto alla NASpI

In caso di ritardo nella corresponsione della retribuzione superiore a 60 giorni (e/o comunque giorni regolamentati nel CCNL applicato in Azienda), essendo tanto grave da non permettere la prosecuzione, anche provvisoria, del rapporto di lavoro, il Lavoratore potrà rassegnare le dimissioni per giusta causa senza dare alcun preavviso e, secondo la normativa vigente, con diritto alla NASpI.

leggi tutto
Licenziamento per superamento del Periodo di Comporto

Licenziamento per superamento del Periodo di Comporto

Superato il termine del periodo di comporto stabilito dalla contrattazione collettiva, il beneficio della conservazione del posto di lavoro viene meno e il lavoratore assente diventa “licenziabile”, in quanto il perdurare della mancata esecuzione della prestazione lavorativa espone questo ad un grave inadempimento contrattuale che potrebbe portare al recesso del datore di lavoro (art. 2110, c. 2, c.c.).

leggi tutto
Dimissioni durante la Maternita’ – Periodo Protetto

Dimissioni durante la Maternita’ – Periodo Protetto

L’obbligo di convalida delle dimissioni rimane ma cambiano le procedure da seguire: gli interessati dovranno far convalidare le proprie dimissioni presso la sede dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro competente, a garanzia  della decisione senza alcuna imposizione del datore di lavor

leggi tutto
La NASpI spetta in attesa di Rinnovo del Permesso Di Soggiorno

La NASpI spetta in attesa di Rinnovo del Permesso Di Soggiorno

Il cittadino extracomunitario ha diritto a percepire le prestazioni economiche a sostegno del reddito di varia natura, fra cui anche la NASpI, anche durante l’attesa del rinnovo del permesso di soggiorno. A rendere nota questa possibilità è direttamente l’INPS, attraverso il messaggio Hermes n. 1589 del 22 aprile 2024, con il quale ha sottolineato che il cittadino straniero deve essere, comunque vada, in possesso di una ricevuta rilasciata direttamente da un ufficio postale, con la quale venga attestata la presentazione della richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno alla Questura.

leggi tutto
Anticipazione NASpI

Anticipazione NASpI

I beneficiari della NASpI possono chiedere la liquidazione dell’indennità in un’unica soluzione se intendono:

avviare un’attività lavorativa autonoma;
avviare un’impresa individuale;
sottoscrivere una quota di capitale sociale di una cooperativa con rapporto mutualistico di attività lavorativa da parte del socio;
sviluppare a tempo pieno e in modo autonomo l’attività autonoma già iniziata durante il rapporto di lavoro dipendente che, essendo cessato, ha dato luogo alla NASpI (articolo 8, decreto legislativo 4 marzo 2015, n. 22).

leggi tutto
Come si calcola il lavoro Straordinario ?

Come si calcola il lavoro Straordinario ?

In presenza di una contrattazione collettiva che preveda il lavoro straordinario, il lavoratore non può sottrarsi, nei limiti della legge, alla richiesta da parte del datore di lavoro di effettuare prestazioni straordinarie, a meno di non incorrere in una sanzione disciplinare per inadempimento contrattuale.  Tuttavia, alcuni CCNL prevedono il consenso del lavoratore alla prestazione di lavoro straordinario. Per consulenza e assistenza puoi  contattare i nostri uffici  al tel. 0639741831 oppure tramite  email   aurelio.snalvconfsal@gmail.com

leggi tutto
FALSE PARTITE IVA –  Lavoro autonomo e presunzione di lavoro Subordinato

FALSE PARTITE IVA – Lavoro autonomo e presunzione di lavoro Subordinato

Il lavoratore autonomo che dispone di una sede fissa di lavoro presso il committente e utilizza beni e strumentazione  o che per almeno due anni ha un fatturato proveniente per l’80% verso uno stesso committente potrebbe essere considerato “falsa partita IVA“, con delle conseguenze sanzionatorie a carico del committente (datore di lavoro) e generare una vertenza di lavoro .

leggi tutto
Chi può presentare una domanda di Ricongiungimento Familiare

Chi può presentare una domanda di Ricongiungimento Familiare

Lo straniero che vuole richiedere il ricongiungimento familiare deve essere titolare di carta di soggiorno o di permesso di soggiorno della durata di almeno un anno , in corso di validità o per il quale sia stato chiesto il rinnovo nei termini previsti , rilasciato per motivi di lavoro subordinato o autonomo, oppure per asilo politico, protezione sussidiaria, studio, motivi religiosi o familiari.

leggi tutto
Entro quanto tempo posso Impugnare Il Licenziamento ?

Entro quanto tempo posso Impugnare Il Licenziamento ?

entro 180 giorni, che decorrono dalla spedizione della lettera di licenziamento, il dipendente deve avviare la causa contro l’azienda per l’impugnazione del licenziamento (cosiddetta impugnazione giudiziale del licenziamento). In pratica, vale la pena ribadirlo, entro il 180° giorno l’avvocato del lavoratore deve depositare in tribunale l’originale dell’atto di ricorso. Se questo secondo adempimento non viene rispettato la prima contestazione è inutile.

leggi tutto
Mancato riconoscimento di Mansione e Livello Superiore

Mancato riconoscimento di Mansione e Livello Superiore

Come dimostrare lo svolgimento di mansioni superiori Il lavoratore che sia stato assegnato a mansioni superiori e che  intende fare richiesta di un adeguamento di livello contrattuale, e agire nei confronti del datore di lavoro per conseguire il riconoscimento della...

leggi tutto
MAXI-SANZIONE per lavoro Nero dal  02.03.2024

MAXI-SANZIONE per lavoro Nero dal 02.03.2024

La nota 13.03.2024, n. 521 a commento delle novità del D.L. 19/2024l’Ispettorato Nazionale del Lavoro a commento delle novità del D.L. 19/2024: si tratta di una nota piuttosto interlocutoria che riepiloga le varie misure del decreto in maniera piuttosto didascalica,...

leggi tutto
La Contestazione Disciplinare al lavoratore

La Contestazione Disciplinare al lavoratore

Il lavoratore dal momento ricevimento della lettera di contestazione ha 5 giorni di tempo per rispondere, dando le proprie giustificazioni, sempre per iscritto o per chiedere di essere ascoltato con l’assistenza del proprio rappresentante sindacal

leggi tutto
LICENZIAMENTI COLLETTIVI: QUANDO, COME E PERCHÉ?

LICENZIAMENTI COLLETTIVI: QUANDO, COME E PERCHÉ?

L’Ufficio Vertenze SNALV CONFSAL AURELIO garantisce ai lavoratori assistenza tecnica, sindacale e legale in materia di LICENZIAMENTI COLLETTIVI. Licenziamento collettivo: definizione e riferimenti normativi Il licenziamento collettivo si realizza in presenza di...

leggi tutto
FONDO DI GARANZIA : chi può accedere

FONDO DI GARANZIA : chi può accedere

Cos’è il Fondo di Garanzia INPS?

Si tratta di un Fondo istituito per garantire il pagamento del TFR e delle retribuzioni maturate negli ultimi 3 mesi del rapporto di lavoro in sostituzione del datore di lavoro che risulta insolvente.

leggi tutto
LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO

LICENZIAMENTO PER GIUSTIFICATO MOTIVO

Esistono due ipotesi di licenziamento per giustificato motivo:
licenziamento per giustificato motivo soggettivo: rientra nella sfera disciplinare. Deriva da un notevole inadempimento da parte del lavoratore degli obblighi contrattuali
licenziamento per giustificato motivo oggettivo: è originato da ragioni inerenti all’attività produttiva, all’ organizzazione del lavoro

leggi tutto